Raccolta differenziata, Arpacal: in Calabria continua la crescita

È la provincia di Cosenza, in materia di rifiuti e raccolta differenziata, la realtà territoriale più virtuosa della regione, attestandosi 37,40% del 2016 (35,61% nel 2015 e 24,95% nel 2014), in un ambito all’interno del quale la Calabria, nel suo complesso, segna un +2,67% di raccolta differenziata, passando dal 24,34% del 2015 al 27% nel 2016.

È quanto emerge dal report pubblicato questa mattina dall’Arpacal (Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente della Calabria), riferito all’anno scorso, nel quale vengono raccolti ed elaborati i dati sulla produzione di rifiuti urbani e raccolta differenziata riferiti ai Comuni della Calabria, distinti per Categorie merceologiche secondo i Codici identificativi Cer. A seguire, in base a quanto elaborato da Arpacal, c’è Catanzaro con 30,46 % (22,24% nel 2015 e 16,17% nel 2014) e Vibo Valentia con 21,69% (18,54% nel 2015 e 15,18% nell’anno precedente); e ancora: Reggio con 19,01% (11,51% nel 2015 e 11,34% nel 2014) e Crotone con il 9,87% (11,90% nel 2015 e 9,97% nel 2014).

Per quanto concerne i capoluoghi di provincia Catanzaro segna un notevole aumento rispetto alla rilevazione precedente con 39,65% (8,27% nel 2015 – 6,94% nel 2014 – 3,71% del 2013 – 4,9% del 2012), Cosenza prosegue la sua crescita con un 52,12% (47,57% nel 2015 – 42,46 del 2014 – 19,73% del 2013 rispetto al 16,06% del 2012), Crotone assente dal report per non aver inviato i dati (11,81% del 2015 – 17,43% nel 2014- 15,48% del 2013 rispetto al 18,34% del 2012), Reggio Calabria ha più sensibilmente aumentato i valori con un 27,76% ( 17,38% del 2015 – 8,95 nel 2014, 8,26% del 2013 rispetto al 13,65% del 2012), Vibo Valentia in grande aumento con 11,38% (4,97% nel 2015 – 6,62% nel 2014, 8,70% del 2013 rispetto al 11,13% del 2012).
Il report è stato realizzato da Clemente Migliorino, responsabile della Sezione regionale Catasto Rifiuti istituita all’interno dell’Area Qualità e Valutazione Ambientale dell’Arpacal e da Fabrizio Trapuzzano, è stato inviato all’Istituto Superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) e comunicato ai Dipartimenti Ambiente e Programmazione Comunitaria della Regione.

22 Dic 2017 0 comment  

È la provincia di Cosenza, in materia di rifiuti e raccolta differenziata, la realtà territoriale più virtuosa della regione, attestandosi 37,40% del 2016 (35,61% nel 2015 e 24,95% nel 2014), in un ambito all’interno del quale la Calabria, nel suo complesso, segna un +2,67% di raccolta differenziata, passando dal 24,34% del 2015 al 27% nel 2016.

È quanto emerge dal report pubblicato questa mattina dall’Arpacal (Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente della Calabria), riferito all’anno scorso, nel quale vengono raccolti ed elaborati i dati sulla produzione di rifiuti urbani e raccolta differenziata riferiti ai Comuni della Calabria, distinti per Categorie merceologiche secondo i Codici identificativi Cer. A seguire, in base a quanto elaborato da Arpacal, c’è Catanzaro con 30,46 % (22,24% nel 2015 e 16,17% nel 2014) e Vibo Valentia con 21,69% (18,54% nel 2015 e 15,18% nell’anno precedente); e ancora: Reggio con 19,01% (11,51% nel 2015 e 11,34% nel 2014) e Crotone con il 9,87% (11,90% nel 2015 e 9,97% nel 2014).

Per quanto concerne i capoluoghi di provincia Catanzaro segna un notevole aumento rispetto alla rilevazione precedente con 39,65% (8,27% nel 2015 – 6,94% nel 2014 – 3,71% del 2013 – 4,9% del 2012), Cosenza prosegue la sua crescita con un 52,12% (47,57% nel 2015 – 42,46 del 2014 – 19,73% del 2013 rispetto al 16,06% del 2012), Crotone assente dal report per non aver inviato i dati (11,81% del 2015 – 17,43% nel 2014- 15,48% del 2013 rispetto al 18,34% del 2012), Reggio Calabria ha più sensibilmente aumentato i valori con un 27,76% ( 17,38% del 2015 – 8,95 nel 2014, 8,26% del 2013 rispetto al 13,65% del 2012), Vibo Valentia in grande aumento con 11,38% (4,97% nel 2015 – 6,62% nel 2014, 8,70% del 2013 rispetto al 11,13% del 2012).
Il report è stato realizzato da Clemente Migliorino, responsabile della Sezione regionale Catasto Rifiuti istituita all’interno dell’Area Qualità e Valutazione Ambientale dell’Arpacal e da Fabrizio Trapuzzano, è stato inviato all’Istituto Superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) e comunicato ai Dipartimenti Ambiente e Programmazione Comunitaria della Regione.

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Leave a comment

Contatta Calabria Caffè

Per tutte le altre richieste di informazioni utilizza il nostro Contact form

Caffè Guglielmo ...

... lo puoi acquistare sul VIRTUAL STORE
oppure COMPILANDO IL MODULO

Suggerimenti

Se hai dei suggerimenti per migliorare il sito

contattaci

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter